Affascinare ed essere ben accettati è alquanto semplice, bisogna proporsi in modo da risultare interessanti e piacevoli.
Per ottenere ciò ci viene in aiuto lo stesso desiderio che cova negli gli esseri umani: interessare, esser piacevoli ed esser accettati.
Per cui, per piacere agli altri bisogna che questi ultimi pensino di essere ai nostri occhi molto interessanti, quasi indispensabili al nostro benessere.

La prima cosa da fare è sorridere. Un bel sorriso di presentazione, che faccia capire a chi ci sta di fronte che si è contenti di incontrarlo/a e che questa cosa ci rende felici.
Questo meccanismo genera nell’interlocutore un aumento di autostima poiché lo rende generatore di gioia per gli altri, provocando una piacevole sensazione a cui difficilmente si può sottrarre. Da questo conseguirà il desiderio di tenerci vicino, in quanto sappiamo aumentare facilmente la sua autostima.

La seconda è imparare a porre domande che sappiano accendere il gusto dell’interlocutore di parlare di sè sempre più in profondità e valorizzarne la persona, la personalità o i valori. Per farlo basta evitare quelle scontate, banali o di circostanza.
Concentriamoci su di lui/lei, osserviamo meglio i dettagli che arrivano all’inizio dal comportamento “non verbale” della persona, ad esempio:
cosa ci dice il suo modo di vestire, a quale particolare di quest’ultimo dà risalto, se è una persona aperta e divertente oppure schiva e seriosa, quali oggetti ha con sé ( libro, valigetta, iPad…), cosa sta osservando, ecc.
Osserviamo ed iniziamo a dialogare partendo dal particolare a noi più congeniale.

La terza cosa è ascoltare in maniera interessata. Significa essere concentrati su chi sta parlando, escludendo già dall’inizio le distrazioni che normalmente ci potrebbero deviare la nostra concentrazione (cellulare, orologio, commissioni…).
Alle persone piace parlare di sè ma nella realtà poche le ascoltano; normalmente sono troppo prese da molteplici impegni, per cui rara è la persona che è disposta ad ascoltare e normalmente si preferisce tenerla stretta.
Man mano che il dialogo va avanti è cosa importante annuire col capo per dar segno di condividere l’argomento che ci viene proposto e porre a nostra volta domande sullo stesso in modo intelligente e contestualizzate all’argomento trattato, sempre per esprimere il nostro desiderio di sapere e comprendere di più.
Anche qui, se qualcuno pone costantemente domande e risulta interessato agli argomenti trattati, fa generare un aumento di autostima nella persona che espone con il conseguente aumento di feeling tra le due.

 

“argomento nato dal dialogo con Michele (Milano)”

Con Affetto

Il tuo Life Coach
Roberto