Quando si parla di mobbing?

Il mobbing si verifica quando sono presenti principalmente 4 condizioni:
1) Esiste una persona vessata, di cui alcune caratteristiche entrano in contrasto con la visione del mobber
2) Questa persona è percepita come psicologicamente debole
3) Spende la maggior parte del tempo a preoccuparsi e difendersi
4) Arriva a chiudersi in una gabbia psicologica

Perché il mobbing ti ha colpito e lo vivi così male?

Ci sono due ragioni principali.

La prima è che qualcuno in azienda ha analizzato erroneamente che alcune tue caratteristiche lavorative o personali stanno mettendo in difficoltà il ruolo, le procedure o gli obiettivi necessari alla sopravvivenza lavorativa dello stesso.

La seconda è che avendo ancora da acquisire sicurezze nella tua persona, si è parzialmente impreparati a mettere in pratica risposte soddisfacenti a contrastare le vessazioni.

Tutto questo crea la consapevolezza che la resilienza alle vessazioni, leggere o pesanti ma comunque tipiche nell’ambiente lavorativo, va ancora sviluppata e portata a livelli corretti per vivere in maniera soddisfacente e sana le ore che passerai al lavoro.

Si può quindi uscire dal mobbing e ritrovare la serenità?

Certamente! Sul mobbing influiscono tre fattori: una persona che vessa, i processi mobbizzanti ed una che subisce.

Tutti partecipano a determinare l’intensità e la durata. Intervenire su tutti e tre i fattori, modificando comportamenti e procedure, diventa il percorso più logico da seguire.
Ma la cosa importante da tener presente è che il lavoro più importante è fatto su di TE,
su come osservi, classifichi e affronti l’ambiente e le persone che ti circondano.

Cambiare il tuo modo di vedere, fino a questo momento limitante, è la giusta sfida che raccoglieremo insieme.

Quali insegnamenti si possono trarre da un episodio di mobbing?

Il mondo lavorativo può essere a volte ingiusto e non è facile cambiarlo a tuo piacimento, ma è necessario migliorare una parte di fondamentale di te che ti aiuti a vivere l’ambito lavorativo in modo più distaccato e professionale.
Tieni presente che i lavori possono cambiare, ma le ingiustizie no.
Preparati a essere resiliente ad esse poiché è lì che si nasconde la soluzione alle prepotenze.

Quali errori evitare e quale strategia adottare?

Rinchiuderti in una gabbia psicologica, immobilizzarti e renderti impotente è lo scopo della vessazione.

Imparare nuovi comportamenti da adottare nelle relazioni sociali, nuovi metodi comunicativi efficaci, acquisire più consapevolezza di sè ed imparare a riconoscere le tue risorse migliori e come utilizzarle a proprio vantaggio, diventa la strategia da seguire per ridurre innanzitutto le sensazioni negative prodotte dal mobbing e riconquistare una serenità psicologica e ricostruire poi l’ambiente lavorativo più idoneo alle proprie nuove caratteristiche, cioè refrattario alle vessazioni e più simile ad un ambiente professionalmente sano.

Come può aiutarti il Tuo Business Coach a superare il mobbing?

Il mio ruolo è quello di affiancarti e creare insieme a te le soluzioni più idonee per cambiare o annullare le condizioni in cui ti trovi, affinché la vessazione possa essere vissuta già dall’inizio degli incontri in maniera più serena e leggera.

Il confronto periodico, l’analisi e la ricerca sicura di soluzioni per ciò che ti succede nella vita lavorativa di tutti i giorni costituiscono il modus operandi del lavoro che si fa insieme.

Il mio compito è quello di sciogliere resistenze psicologiche che ti obbligano a vivere un lavoro malsano, insegnandoti nuovi metodi che all’inizio ti proteggeranno serenamente dalle oppressioni, mentre altri ti daranno la giusta sicurezza per confrontarti in modo vincente e tranquillo con tutto ciò che capiterà sul posto di lavoro.

Prenota la tua sessione di Coaching

Contattami e scopriamo quali obiettivi possiamo raggiungere insieme.

Articoli recenti

About Mobbing

Cambiare pensiero riduce il mobbing.

“Se conosci il nemico e te stesso, la vittoria è sicura. Se conosci te stesso ma non il nemico, le tue probabilità di vincere o perdere sono uguali. Se non conosci il nemico e nemmeno te stesso, soccomberai in ogni battaglia.” - L’Arte della Guerra Capire se stessi ed...

Riconosci e migliora gli strumenti per uscire dal mobbing

Il mobber conta su due comportamenti quando vessa qualcuno: Spera in una risposta emotiva o comportamentale inadeguata, magari fatta in maniera maldestra o maleducata, meglio se piena di rabbia ed aggressività, in modo tale che la reazione venga notata da tutti, più...

Dividere in due parti i colleghi aumenta la percezione del mobbing.

“Lui è carino con me, lei no… Loro mi aiutano mentre quelli la no… Quelli del mio ufficio mi sono vicini, gli altri sono ostili”. Quante volte l’hai detto. A prima vista sembrerebbe tutto corretto, da una parte i buoni e dall’altra i cattivi, pronti tutti ad...

Cambiare pensiero riduce il mobbing.

“Se conosci il nemico e te stesso, la vittoria è sicura. Se conosci te stesso ma non il nemico, le tue probabilità di vincere o perdere sono uguali. Se non conosci il nemico e nemmeno te stesso, soccomberai in ogni battaglia.” - L’Arte della Guerra Capire se stessi ed...

Riconosci e migliora gli strumenti per uscire dal mobbing

Il mobber conta su due comportamenti quando vessa qualcuno: Spera in una risposta emotiva o comportamentale inadeguata, magari fatta in maniera maldestra o maleducata, meglio se piena di rabbia ed aggressività, in modo tale che la reazione venga notata da tutti, più...

Dividere in due parti i colleghi aumenta la percezione del mobbing.

“Lui è carino con me, lei no… Loro mi aiutano mentre quelli la no… Quelli del mio ufficio mi sono vicini, gli altri sono ostili”. Quante volte l’hai detto. A prima vista sembrerebbe tutto corretto, da una parte i buoni e dall’altra i cattivi, pronti tutti ad...

Articoli dal mio Blog:

Puoi iniziare la tua crescita personale da ora scegliendo gli argomenti che preferisci dal blog.